Chi può resistere allo strudel?

Erano giorni che mi frullava in testa lo strudel …la stagione è quella giusta , le mele sono sempre una carta vincente e la voglia di un comfort food era troppo forte . Ho perfezionato le dosi della pasta strudel , perché l’ho spesso trovata un po’ asciutta , senza tuttavia cedere a una brisée o frolla perché questo dolce deve avere il suo impasto specifico , non si discute . L’uso della farina Manitoba smezzata con quella di tipo 2 si è rivelato decisivo per l’elasticità dell’ impasto , che deve anche essere molto sottile . Quindi, armatevi di ingredienti e buoni propositi e via, al lavoro! Dose pasta strudel : 125 gr di farina Manitoba, 125 di farina di tipo 2, un cucchiaio di zucchero, un pizzico di sale, un uovo intero, 60 gr di burro fuso, 1 cucchiaio abbondante di olio di girasole, un filo di latte per legare il tutto . Impastare bene , con la foglia della planetaria o a mano, fino ad ottenere un composto malleabile e liscio. Mi raccomando: lasciate riposare la pasta circa un’ ora in frigo , così la lavorerete molto meglio quando sarà il momento. Nel frattempo sbucciate 800 gr di mele (renette, golden o pink lady) tagliatele a dadini e cospargetele con 100 gr di zucchero, cannella a vostro gusto, 60 gr di uva passa ammorbidita nell’acqua tiepida, 60 gr di noci sbriciolate . Mescolate bene e ultimate con un bicchierino di rum. Riprendete la pasta dal frigo e lasciatela 15 minuti a temperatura ambiente, poi procuratevi un telo o foglio di carta forno cosparso di farina e stendete la sfoglia col mattarello. Deve essere molto sottile , quasi un velo . Sarebbe bene , dopo una prima passata di mattarello, continuare a stenderla con il dorso delle mani chiuse a pugno . È una cosa che richiede un po’ di abilità, lo ammetto, perché rischiate di bucare la pasta , ma non preoccupatevi perché potete utilizzare il mattarello per tutta l’operazione. Spennellate con 30 gr di burro fuso l’impasto steso a rettangolo. Spolverate con poco pangrattato, poi, dopo aver scolato il mix di mele e frutta secca dal liquido creato dal rum e lo zucchero , stendetelo sulla pasta in modo uniforme, lasciando libero il bordo esterno di circa 3 dita . Ripiegate verso l’interno i lati corti del rettangolo (basteranno pochi cm e serve per non fare uscire il liquido ai lati durante la cottura) poi arrotolate la sfoglia su se stessa aiutandovi con il telo o la carta forno . Fare in modo che il lembo di chiusura della pasta sia nella parte sottostante. Cottura a 180 gradi per 45 minuti nella parte centrale del forno , su una teglia rettangolare rivestita di carta forno. Fate freddare o comunque stiepidire, perché se lo strudel caldo è assolutamente delizioso , da freddo fa cogliere in pieno tutto il sapore del ripieno. Quindi…a voi la scelta ! Mi raccomando, fatelo perché una volta presa la mano non è difficile . E poi mai si inizia, mai si apprende no? Forza e coraggio allora , poi fatemi sapere 😊👍😘

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *