Creme caramel (in casa e’ un’ altra cosa)

La regina dei dolci al cucchiaio è lei, la creme caramel.  Chi ha la mia età ricorda bene che negli anni 70/80 ci veniva propinata ovunque , dai ristoranti ai pub , con risultati altalenanti,  spesso deludenti. Qualche fortunato la mangiava alle feste,  opera delle mani fatate di qualche mamma,  e anche io dai 20 anni in poi ci ho provato.  Devo ammettere che i primi tentativi sono andati a vuoto,  poi, nel tempo, ho affinato la tecnica e che ora questo dolce  mi dà qualche soddisfazione. La ricetta è frutto di una fusione tra vecchie ricette di mia mamma e consigli di amiche, ed eccola (per 6/8 persone ): 500 ml di latte intero e 250 ml di crema di latte 4 uova intere e 3 tuorli, 160 g di zucchero semolato, 1 cucchiaino di estratto di vaniglia , per il caramello 150 g di zucchero grezzo aromatico equisolidale . Fate scaldare (senza bollire)  il latte con la panna , aggiungendo lo zucchero semolato facendolo sciogliere bene.  Fate freddare e versate sulle uova e tuorli battuti (senza fare schiuma), unendo la vaniglia. Una volta miscelato il tutto, versate in una pirofila di vetro dalla capienza di un litro,  che andrà in un altro recipiente più grande riempito per un terzo di acqua (per la cottura a bagno maria ). La temperatura del forno non deve superare i 150 gradi e la durata sarà di circa 75 minuti . Controllate sempre con la pressione del dito la consistenza della crema,  dovrà essere morbida ma non più liquida . Mentre il composto si fredda fate fondere a fuoco medio lo zucchero grezzo in una padella antiaderente,  senza girarlo e facendolo solo scorrere ai lati una volta che inizia a liquefarsi. Versatelo poi su un foglio di carta forno stendendolo molto velocemente. Vedrete che si solidifichera’ in un attimo, a quel punto riducetelo a pezzi e distribuitelo sulla superficie della crema. Coprite con una pellicola è conservate in frigo (dove il caramello si scioglierà quasi del tutto), togliendolo almeno un’ ora prima di servire. E poi sentirete che roba 😄. Ps- mi raccomando: 1)la bassa temperatura della cottura a bagnomaria ; 2) evitate di montate le uova con lo zucchero,  non devono assolutamente schiumare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *