Torta soffice all’uva bianca

Ed eccoci arrivati alle soglie dell’ autunno, dopo un’estate passata troppo in fretta e il desiderio di trascorrere ancora delle belle giornate all’aperto . Sinceramente l’idea di stare più tempo in casa, tenendo conto del periodo difficile per tutti noi, non mi sorride …penso allora a ciò che di positivo può comportare: impastare, mettere in forno , friggere e studiare ricette nuove . Questa torta facile facile è per “scaldare i motori” , assecondando la stagione con l’utilizzo dell’uva e mantenendo l’apporto calorico contenuto come se si fosse in estate (in effetti, qui a Roma, ancora lo è di fatto). Dopo avere acquistato l’ uva bianca di buona qualità (per il dolce vi occorrono circa 20/25 acini), procuratevi questi ingredienti: 125 gr di farina 00, 125 gr di farina integrale, mezza bustina di lievito istantaneo, 3 uova medie, 150 gr di zucchero, 250 gr di ricotta magra, 1 tazzina da caffè di olio di mais o girasole. Miscelate il lievito alle farine , poi montate le uova intere con lo zucchero fino ad ottenere una massa chiara ; incorporate poco alla volta la farina mista a lievito, circa la metà, poi l’ olio a filo , la ricotta e, dopo avere reso l’ impasto omogeneo, il resto della farina. Oleate leggermente uno stampo con anello removibile di 22 cm di diametro e versatevi il composto e, infine, gli acini dell’uva (senza schiacciare). Cottura a 180 gradi per circa 40 minuti . Provatela perché è buona e leggera e va bene sia per la colazione che per qualsiasi pausa durante il giorno.

Tozzetti come se non ci fosse un domani…

Bentrovati amici ! Riprendiamo le nostre attività dopo la pausa vacanze e accingiamoci pieni di energia (o quasi 😁) a riaccendere il forno e a sfornare le nostre amate preparazioni! Le temperature sono ormai accettabili , direi gradevoli, per l’autunno manca poco quindi non abbiamo scuse…Pensavo a qualcosa di semplice e non impegnativo e i tozzetti sono stati i primi a venirmi in mente . Sono biscotti rustici diffusi in tutta Italia e, a seconda delle regioni, sono chiamati in modo diverso: nel Lazio “tozzetti”, in Toscana “cantucci”, in altre zone “fette nocciolate o mandorlate” . Insomma, i nomi cambiano ma la sostanza resta quella; gli ingredienti variano in base a ciò che di buono offre la zona (mandorle, nocciole, cioccolato) ma, chiaramente, ognuno può personalizzare e usare anche un mix di ingredienti diversi, a volte insoliti. Io stavolta alle mandorle ho aggiunto poche prugne appassite a pezzetti e il risultato è stato eccellente. Se non le amate potete sostituirle con la stessa quantità di frutta secca o cioccolato fondente sminuzzato. Ecco la ricetta: 300 gr di farina 00, 150 gr di zucchero, mezza bustina di lievito istantaneo, 2 uova intere, 1 tazzina da caffè di olio o 50 gr di burro, la buccia grattugiata di un limone non trattato, 100 gr di mandorle sminuzzate, 50 gr di prugne secche a pezzetti. Impastate tutto (tranne la frutta secca) a mano o con la planetaria non troppo a lungo, solo per ottenere un impasto omogeneo. Alla fine, incorporare mandorle e prugne . Formate due filoncini schiacciandoli un po’ sulla sommità e infornateli a 180 gradi per circa 25 minuti. Sfornate e tagliateli tiepidi (con attenzione, altrimenti si sbriciolano) con un coltello per il pane. Poi di nuovo in forno , con le fette ben distanziate nella teglia, alla stessa temperatura, per un totale di 10 minuti (5 per lato). Fare freddare e servire. Si conservano per giorni in un contenitore di latta , ma dubito che ne avanzeranno 😁😁😁

Da San Sebastian a Roma : tarta de queso

Girovagando in rete mi sono imbattuta in questa ricetta che , da subito, ha stuzzicato la mia curiosità. È un dolce semplicissimo, in sostanza una cheesecake senza la base di biscotti. Ideata dai gestori di un ristorante dei paesi baschi a San Sebastian, è stata talmente apprezzata da varcare i suoi confini geografici fino ad essere conosciuta un po’ ovunque (restando in ogni caso una torta un po’ di nicchia, né cheesecake americana né tarte au fromage dei cugini francesi ). La sua particolarità sta nell’essere leggermente bruciata all’esterno e morbida all’interno in quanto cotta a temperatura abbastanza alta per un tempo limitato rispetto alla quantità di composto . Insomma , ci vuole più tempo a spiegarla che a farla perciò vi dico come si prepara. Procuratevi : 1 kg di formaggio cremoso (io suddiviso al 50% lo spalmabile e la robiola), 300 gr di zucchero, 5 uova intere medie (oppure 6 bio, più piccole) , 2 cucchiai di amido di mais, la polpa della bacca di vaniglia o la buccia grattugiata di un limone con buccia edibile. Ho omesso il mezzo litro di crema di latte prevista perché , a mio avviso , avrebbe reso il composto troppo liquido e copioso . Nonostante la ricetta vi indichi di usare uno stampo di 21/22 cm di diametro, per la quantità di impasto ottenuto ci vorrà uno stampo più grande (25 cm di diametro) che rivestirete di carta forno bagnata e strizzata sia sul fondo che sui bordi . Montate brevemente le uova con lo zucchero, poi aggiungete il resto degli ingredienti ottenendo una crema morbida e corposa. Versate nello stampo e cuocete a 200 gradi per 50/55 minuti , ruotando lo stampo a metà cottura per favorire la doratura uniforme. Quando la torta sarà di un colore dorato/ brunito e al centro farà resistenza, spegnete il forno e lasciatela ancora 15/20 minuti con sportello socchiuso . Poi la lascerete freddare a temperatura ambiente e, dopo, in frigo almeno una notte . Prima di servirla, fatela riposare fuori dal frigo almeno 20/30 minuti. Insomma, io ve la consiglio perché sarà anche bruttina di aspetto ma la sostanza ci sta tutta . Provatela , mi raccomando 👍

A cottura quasi ultimata
La crema ottenuta da infornare

Plum cake al cioccolato senza lattosio

Eccovi un dolce semplice, goloso e adatto agli intolleranti al lattosio; al posto del burro ho usato l’ olio e sostituito il latte vaccino con quello di soia. Quanto al cioccolato fondente, non sono assolutamente certa che non abbia tracce di latte , ma se volete esserne sicuri , acquistatene uno dove sia specificato, tra gli ingredienti che il latte non vi sia, nemmeno in minima parte . Veniamo alla ricetta. Vi occorrono: 170 gr di cioccolato fondente, 3 uova medie (tenendo separati tuorli e albumi), 180 gr di zucchero, 225 gr di farina 00, 25 gr di cacao, 50 gr di amido di mais, un cucchiaino di bicarbonato, 90 ml di olio di girasole, mezzo bicchiere di latte di soia (o altra bevanda vegetale a vostro gusto). Procedete così : montate gli albumi a parte con un pizzico di sale e, quando saranno sodi, aggiungete metà dello zucchero (tenendoli poi da parte ). Sciogliete a bagnomaria il cioccolato facendolo poi stiepidire poi montate i tuorli con lo zucchero restante . Versatevi poco alla volta il cioccolato, mescolando bene, poi l’olio e il latte vegetale. Concludete con i ingredienti secchi (compreso il bicarbonato) poi con gli albumi a neve . Girate con attenzione per non smontare il tutto. Trasferite in stampo grande da plumcake e in forno per 45 minuti a 175 gradi. Provatelo, mi raccomando 👍😊

Torta al latte caldo

Ecco una torta facilissima che , proprio per la sua rapida realizzazione, vi sorprenderà per quanto possa essere buona e versatile. È adatta alla colazione, ma anche ad una occasione speciale, se accompagnata da una farcitura quale crema o confettura. Unico accorgimento: attenzione a versare il latte tiepido a filo e molto lentamente, altrimenti rischierete di smontare l’ impasto. Per il resto, è facilissima. Ecco gli ingredienti: 4 uova medie a temperatura ambiente, 200 gr di zucchero, 100 gr di farina 00, 100 gr di farina di farro , mezza bustina di lievito istantaneo, un pizzico di sale, la buccia grattugiata di un limone bio, 160 gr di latte scaldato unitamente a 90 gr di burro. Montate le uova intere con lo zucchero facendole triplicare . Poi incorporate il mix di farine , lievito e sale, mescolando bene in planetaria o con le fruste elettriche. Fate scaldare il latte col burro (senza che arrivi a bollore) e versatelo molto lentamente e a filo mentre continuate a montare il composto. Versatelo in uno stampo da 22 cm e cuocete a 170 gradi per 40 minuti. Altri 5 minuti a forno spento con sportello socchiuso. Fate freddare e mangiatene a sazietà 😋😋😋

Crostata con farina di mirtilli e crema di ricotta

Devo dire che queste farine alla frutta mi stanno piacendo moltissimo e mi sono lanciata nello sperimentare altre ricette dopo la prima prova . Mi è venuta in mente la frolla della crostata; quanto profumo avrebbe avuto con una nota di mirtillo e che bel contrasto ci sarebbe stato con un ripieno ben studiato . Ed alla fine il risultato è stata questa crostata con la crema di ricotta, che io non uso fare molto dolce , un po’ per mia abitudine di non rendere i dolci stucchevoli, un po’ per preservare il gusto degli ingredienti, soprattutto in questo caso . La frolla la farete con: 150 gr di farina ai mirtilli, 150 gr di farina 00, 100 gr di zucchero, un uovo intero, 120 gr di burro morbido a pezzetti. Procedete come di consueto e mettetela a riposo in frigo per qualche ora . Preparate poi la crema con 300 gr di ricotta (vaccina o mista con quella di pecora), un uovo, 100 gr di zucchero e la buccia di una arancia non trattata . Dopo avere reso malleabile la frolla tolta dal frigo, rivestite uno stampo da crostata (23/24 cm di diametro) tenendo un po’ di impasto a parte per le strisce . Stendete alla base un velo di confettura di mirtilli, poi la crema, infine chiudete con le strisce . Cottura a 180 gradi per circa mezz’ora. Ci sarà un profumo delizioso e aspetterete a fatica di poterla provare 😋. Se non amate o non trovate la farina alla frutta, una valida alternativa è sostituirla (stesso peso) con la farina integrale, che sta benissimo nelle crostate di questo tipo.

Cheesecake alla gelatina di ciliegie

Come sapete, questo dolce non e esattamente nelle mie corde , ma, devo riconoscere, è molto richiesto , specie in questo periodo. E allora ho pensato di farlo ma “secondo me” , e non secondo le ricette che abbondano nel web e riviste del settore. A mio modesto parere , la vera cheesecake è quella cotta in forno, poi tenuta in frigo almeno un giorno, non quella fredda , che poi alla fine è una specie di mousse con la colla di pesce (non voluta da molti per via delle allergie e allora devi usare l’ agar agar, ma rischi di ottenere un composto troppo solido). Insomma , in questo dobbiamo dare ragione agli americani, la NY cheesecake sta una spanna sopra alle altre. Ok, però i ns amici di oltreoceano fanno anche dei bei mappazzoni e noi , che abbiamo più gusto e tradizione, dobbiamo alleggerire un po’ la ricetta. E allora facciamo così : in primo luogo evitiamo la base coi biscotti tritati e impastati col burro , che sono di una pesantezza colossale e prepariamoci una base da noi (ci vogliono esattamente 5 minuti), poi per la farcitura evitiamo di utilizzare come formaggio solo il creme cheese perché anche in quel caso la pesantezza si abbatterà come una scure sulla vostra digestione. Quindi la mia ricetta è questa :base con 200 gr di farina 00 bio, la punta di un cucchiaino di bicarbonato, 80 gr di burro o margarina bio e 80 gr di zucchero. Impastiamo velocemente e, in caso di burro nell’ impasto, aggiungiamo un filo di acqua fredda (un cucchiaio o due). Riponiamo in frigo schiacciando bene il panetto. Nel frattempo mescoliamo in planetaria o con fruste elettriche 250 gr di ricotta magra , 200 gr di creme cheese (tipo Philadelphia o similari ), 120 gr di yogurt alla greca bianco e 180 gr di zucchero. Montiamo bene a crema, poi aggiungiamo 2 uova medie. Stendiamo la base in uno stampo medio (23 /24 cm di diametro) lasciando un bordo di almeno due dita. Versiamo la crema poi in forno. Attenzione alla temperatura, che non dovrà superare i 160 gradi e sarà di almeno un’ ora. Diffidate delle ricette che indicano una cottura a 180 gradi per mezz’ ora/quaranta minuti. Vi troverete una torta dura , pesante e tutt’ altro che cremosa , come dovrebbe essere. Una volta cotta, altro passaggio importante (per evitare che si raggrinzisca una volta fredda), lasciatela nel forno spento con sportello socchiuso per 15 minuti , poi estraetela e fatela freddare , prima a temperatura ambiente poi in frigo, in contenitore con coperchio a scatto . Per farcirla io ho scelto le ciliegie, usandone (ovviamente denocciolate) 200 gr circa e due cucchiai di zucchero. Per chi volesse un effetto più gelatinoso , consiglio poca pectina in polvere , quella che si utilizza per addensare le confetture. Lasciatela in frigo almeno una giornata . E poi provatela 😉