Torta Pavlova ai frutti di bosco

La torta Pavlova è uno di quei dolci che solitamente prepari per le occasioni speciali ; del resto si presenta bene, è elegante, golosissima e, pur essendo sostanziosa, non si rivela pesante per via della meringa che è praticamente leggera come l’aria . Molte di voi mi hanno detto che è un dolce che infonde soggezione per via della preparazione delle meringhe, ma, vi assicuro, seguendo alcuni passaggi per bene, queste nuvolette di albume e zucchero non avranno più segreti per voi. In primo luogo , utilizzate gli albumi a temperatura ambiente, perché freddi non si monterebbero a dovere. Ricordate più l’immancabile pizzico di sale e un cucchiaio di aceto di mele (qui si tratta di reazioni chimiche che stabilizzano l’albume, ma non chiedetemi di più 😁). Infine la cottura, anzi, asciugatura perché le meringhe non devono cuocere ma asciugare a una temperatura che non superi i 100 gradi per circa un’ora e mezza, più raffreddamento in forno con sportello semi chiuso . Fatta questa premessa, veniamo agli ingredienti. Per una torta di circa 23/24 cm di diametro servono: meringa- 120 grammi di albumi (circa 4, comunque pesateli) 120 gr di zucchero a velo e 120 gr di zucchero semolato, un pizzico di sale e un cucchiaio di aceto di mele. Per la crema: 400 gr di crema di latte , 250 gr di mascarpone, 2 cucchiai di zucchero a velo, frutti di bosco misti, freschino surgelati (300 gr).  Procedimento: preparate la meringa montando gli albumi a velocità media , poi, quando vedrete una massa raddoppiata, aggiungete il sale, l’aceto e gli zuccheri in tre fasi. Continuate a montare fino ad ottenere una massa soda che, sollevandola con una forchetta, formi un’onda ferma e stabile . Prendete una teglia circolare a bordi bassi e rivestitela di carta forno. Formate un disco con metà del composto , poi un bordo tutto  intorno molto alto, a ricordare il famoso tutù della ballerina Pavlova che ha dato il nome al dolce . Potrete usare una sac a poche o due cucchiai , non preoccupatevi se i bordi saranno un po’ irregolari , l’importante sarà formare onde che diano idea di movimento. Asciugatura come sopra indicato. Una volta fredda , iniziate a montare la panna e, a metà montata, aggiungete il mascarpone, infine lo zucchero a velo; io ne metto poco perché non amo le creme dolci, voi però aggiungete in caso un cucchiaio in più . Decorate con i frutti di bosco leggermente zuccherati o, se surgelati, spadellateli prima con poco zucchero e rum fino a quando vedrete addensare il loro succo. Preparate il dolce con anticipo perché deve prendere sapore . Si conserva in frigo in contenitore con coperchio chiuso . È buonissima e farete felici tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *